Ceramica

Nella produzione di mattoni, piastrelle, porcellana e ceramiche tecniche la qualità si contraddistingue per l'assenza di bolle d'aria nel prodotto. Quando viene cotta, la ceramica che contiene bolle d'aria può distruggersi nella fornace e, nel caso peggiore, causare addirittura la distruzione dell'intero lotto. Nei mattoni, i difetti compaiono dopo molto tempo, di solito anni; durante l'inverno l'umidità penetra dai pori della superficie e causa la rottura del mattone.

Rimozione dell'aria dall'argilla

Dopo che l'argilla è stata caricata nell'estrusore, il vuoto serve a rimuovere l'aria per prevenire la formazione di bolle d'aria e la conseguente rottura dei mattoni. Analogamente ai mattoni, la ceramica viene dapprima miscelata e impastata con acqua o vapore in modo da formare un amalgama omogeneo. La pasta viene poi trasferita in un estrusore che la inietta ad alta pressione negli stampi. Il materiale viene quindi estruso nelle dimensioni desiderate, essiccato e cotto.